Sito tradotto in italianoTranslate site in English

Panoramica strumenti

Fender Stratocaster Sunburst Hard-tail Rosewood 1959

Numero di serie: 50143

Chitarra che è stata riportata ad antico splendore con carta abrasiva sottilissima, acqua e tanta buona volontà asportando la vernice non originale che era stata applicata sul suo corpo.

Presenta un battipenna “green” 3 strati in celluloide e compare per la prima volta uno scudo di alluminio a schermatura con timbri stampatello rossi trasversali.

La piastrina presenta il numero seriale nella parte bassa anziché alta, e l’hardware è identico alla sorella dello stesso anno.

Manico “slab-board” e clay-dot in cartone pressato.

In questo fine anno la datazione del body torna alternativamente nel vano molle e spesso scompare la datazione sui manici dovuta a oscenità che venivano talvolta riportate e per questo sospese.

Custodia tweed o brown-tolex con interno giallo e chiave centrale all’interno della maniglia.

Stesso hardware delle sorelle precedenti.

Torna all'elenco

Le foto e le informazioni dettagliate di ogni strumento sono disponibili sul libro "Our Vintage Soul"

Il volume 1 di Our Vintage Soul, prima parte della Fender Vintage Collection, è ancora disponibile per l'acquisto:

  • Libro fotografico a colori di 303 pagine
  • Copertina cartonata
  • Tiratura limitata (3000 copie)
  • Numero seriale
  • Dedica autografata su richiesta
  • Costo del volume: € 39,00
  • Spese di imballaggio e spedizione: € 11,00 (per l'Italia) - € 24,00 (per l'Europa) - € 34,00 (per il resto del mondo)
  • Pagamento:
    • bonifico bancario anticipato intestato a Prisma Melody Club (qui le coordinate bancarie)
    • PayPal - indirizzo dell'account: flavio.camorani@alice.it
  • Per info: Prisma Melody Club (3388784320) o e-mail.

Per info: Flavio Camorani 3388784320

Legale Rappresentante di Prisma Melody Club - Via Trentola, 74 (Forlì) - Part. iva 03300500406

© 2008-2018 - Tutti i diritti riservati. Un ringraziamento speciale a Claudio Dini per le traduzioni.

Web design by Matteo Camorani